Spazio Ambiguo 12 - Limited Edition 1 of 2 Artwork by Gianfranco Coltella

view additional image 1
view additional image 2
view additional image 3
view additional image 4
view additional image 5

View In A Room

View Fullscreen

Add to Favorites

View In My RoomVIEW IN MY ROOM
Spazio Ambiguo 12 - Limited Edition 1 of 2

Gianfranco Coltella

Italy

New Media

Size: 39.4 W x 78.7 H x 1.2 in

Ships in a Crate

Shipping included

 Trustpilot Score

79

Views

1

Favorites

Art Description

New Media: Acrylic, Lights, Color on Canvas.

Spazio Ambiguo 12 colori puri.
I miei Maestri
Il colore risponde alle leggi ottiche della nostra visione, così come le forme.

C’è una lunga ricerca per mettere insieme 12 colori che siano perfettamente armonici tra di loro e formino quel disco cromatico alla base del componimento.


Sì perchè, nei colorifici se ne trovano centinaia di tinte, tutte bellissime, ma se poi le combini così , a sensazione , c’è sempre qualcosa che non ti soddisfa, o peggio ancora stona. Un colore si può valutare solo
se messo a contrasto con un altro.

Allora mi sono tornati in mente gli anni della scuola di design a Milano inizio anni ’80 e il lavoro incessante sui colori e i suoi contrasti del professore Augusto Garau che ci diceva essere stato allievo diretto di Johannes Itten, quello del libro Armonia Dei Colori su cui studiavamo.

Insegnante alla prestigiosa scuola Bahuaus Dessau anni ’20 J. Itten con precisione svizzera, aveva messo in ordine i colori, e asseriva, in concreto che, i colori essendo 16 milioni quelli percepiti dall’occhio umano, non possono che essere valutati per contrasto, da qui i suoi famosi 7 contrasti che riassumono tutte le possibilità. Un po’ come nella musica e qui tornano le similitudini, sono 7 le note, e così via.

Così mi è tornata la voglia di continuare oggi la ricerca scolastica, potendo aggiungere tutta l’esperienza artistica di 25 anni di produzione di Sculture Luminose in vetro riciclato a marchio Le Meduse.

Il colore cambia ai nostri occhi in continuazione perché è un effetto collaterale della luce (spettro elettromagnetico) ma se io voglio vedere un bel rosso devo sempre considerare il suo contorno, in pratica il suo sfondo e poi anche la quantità, cioè la misura che ha questo rosso, in contrasto con il suo sfondo, se è un quadrato su fondo bianco, brillerà poco, molto di più lo farà su sfondo nero, ma allora risulterà psicologicamente violento, su uno sfondo grigio sarà vibrante, e su sfondo arancio si infiammerà e così via per milioni di combinazioni, ecco allora cosa significa lavorare con questo intento sui colori, una allegra ricerca con ciò che è all’interno della luce.
Dedico questo lavoro e questa mostra a tutti gli altri miei grandi maestri:
il già citato Augusto Garau;
Bruno Munari su tutti, che mi ha trasmesso la passione per il mondo astratto così vicino alle strutture naturali;
Attilio Marcolli con il libro Teoria Del Campo da cui attingo ancora oggi, l’eleganza delle forme e della composizione;
il direttore e fondatore della SPD Nino di Salvatore e la sua bellissima materia, scienza della visione basata sulle teoria gestaltiche:
e poi Mario Bellini e la sua visione rispettosa del design;
Gaetano Kanitza con le sue lezioni illuminanti sulla psicologia della forma.
I lavori esposti in questa mostra, vogliono mettere davanti allo spettatore, una serie di esperienze cromatiche e di composizioni formali che si ispirano a queste teorie.

Inoltre questo lavoro sulla composizione e sul colore vuole essere un omaggio a questi appassionati professori e artisti, che furono anche protagonisti 60 anni fa del MAC movimento arte concreta 1948- 1958
Uno degli ultimi movimenti dell’avanguardia artistica del ‘900, ma il primo a essere multidisciplinare ed europeo.
Grazie ai miei maestri.
Gianfranco Coltella


Subjects:

Abstract

Materials: